mercoledì 30 novembre 2016

Essenza: Bruschette con insalata fiorita e uova pochè


Buon mercoledì gelato a tutti!! Brrr...che freddo! Ma io non mi arrendo all'inverno...si vede?? L'altra sera da Eataly ho trovato ingredienti fichissimi, tipo questa insalatina fiorita e i germogli di porro...meraviglia!! E mi sono subito proiettata nella bella stagione!! Ho pensato a qualcosa da realizzare per la mia rubrica Essenza, una ricetta leggera con gusto, un'esplosione di gusto!! Piace?? Spero di sì! Auguro un buon mercoledì colorato a tutti e abbiate fede, la rubrica prima o poi tornerà il lunedì, basta crederci...buhahahahaha!! Oggi sono un po' matta...bye!


Ingredienti per 2 bruschette:

  • 2 fette di pane casereccio ai semi o ai cereali
  • insalatina fiorita (se non la trovate potete farla voi usando la misticanza e aggiungendo fiori eduli)
  • 2 uova
  • germogli di porro (facoltativi)
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • olio extravergine d'oliva
  • sale



Procedimento:

1) Tostate le fette di pane su una griglia unta e ben calda finchè non saranno croccanti.
2) Versate il succo di limone in un barattolo e aggiungete olio extravergine d'oliva e sale. Chiudete bene e scuotete energicamente ottenendo un'emulsione.
3) Prendete due quadrati di pellicola per alimenti da 30cm circa per lato. Spennellateli con poco olio d'oliva e rompete al centro di ogni quadrato un uovo facendo attenzione a non romperlo. A questo punto chiudete gli angoli del vostro quadrato e sigillate bene l'uovo girando la pellicola (o utilizzando uno spago) e ottenendo un pacchettino (non deve contenere aria, la pellicola deve solo avvolgere l'uovo che in questo modo assumerà cuocendo la forma classica dell'uovo in camicia o pochè).
4) Cuocete le uova nella pellicola immergendole in acqua bollente per circa 3 minuti.
5) Sistemate il pane su un piatto da portata, distribuitevi sopra l'insalatina e conditela con la citronette preparata. Posate le uova pochè, precedentemente liberate dalla pellicola, sopra all'insalata e finite con i germogli di porro e un filo d'olio. Servite.

lunedì 28 novembre 2016

Brioches ai cachi e uvetta


Buongiorno a tutti! Come vedete anche questa settimana la programmazione è un po' sballata e si comincia dal dolce, ma noi, che siamo istintivi e poco avvezzi a schemi e regole rigide, ce ne freghiamo e prendiamo quello che arriva così, a cuor leggero, dico bene??
Ok, detto questo passerei alla ricetta. Il mio vicino ogni anno ci fa dono di un cesto pieno di cachi bio della sua pianta. Un dono davvero gradito. Purtroppo però a casa, nessuno, tranne me, ama i cachi e quindi, sistematicamente, mi tocca trovare delle ricette per far sì di non sprecarli e di farli mangiare a tutta la famiglia. In rete ho scovato QUESTA ricetta che con qualche modifica mi è stata molto utile per realizzare con successo queste brioches così graziose, morbide e fragranti. Nel lasciarvi dosi e procedimento vi auguro che anche la vostra settimana possa cominciare in dolcezza. Un abbraccio.


Ingredienti per 12 brioches circa:
  • 500g circa di farina 00
  • 75g di latte intero
  • 2 uova
  • 100g di zucchero di canna (io zucchero di canna integrale)
  • 3 cucchiai circa di uvetta
  • 50g di burro
  • 12g di lievito di birra fresco
  • 200g circa di polpa di cachi frullata
  • 1 limone bio
  • 1 pizzico di sale



Procedimento:

1) Stemperate il lievito di birra nel latte tiepido e aggiungete 75g della vostra farina, mescolate velocemente, coprite con la pellicola e fate riposare al caldo per circa 1 ora. Nel frattempo mettete l'uvetta in ammollo in acqua.
2) Unite al preimpasto preparato la polpa dei cachi, 1 uovo e i 3/4 circa della farina che vi è rimasta. Lavorate il tutto nella planetaria o a mano finchè non otterrete un impasto omogeneo. Aggiungete quindi lo zucchero di canna, l'albume dell'uovo rimasto e due cucchiai della farina restante. Continuate ad impastare con energia finchè il tutto non sarà coeso. 
3) Aggiungete in ultimo il burro tagliato a piccoli cubetti, il sale, la scorza di limone grattugiata e infine l'uvetta scolata e leggermente infarinata (tenete da parte a piacere qualche chicco di uvetta da disporre sopra le brioches), amalgamate il tutto.
4) Trasferite l'impasto su una spianatoia infarinata (con la farina rimasta) e lavoratelo creando un panetto. Mettetelo a lievitare al caldo per circa 1 ora finchè non sarà raddoppiato di volume.
5) Ricavate dal vostro impasto delle palline di circa 75g l'una, fatene dei salamini e arrotolateli dentro alle formine dei muffins precedentemente imburrate. Spennellate con il tuorlo d'uovo rimanente (io l'ho allungato con un pochino di latte), disponete garbatamente sulle brioches i chicchi di uvetta tenuti da parte e lasciate ancora lievitare per circa 30 minuti.
6) Infornate le brioches a 180° per circa 30 minuti, finchè non saranno ben cotte e dorate. Lasciatele raffreddare su una griglia e servitele. 

domenica 27 novembre 2016

Buona domenica!


Vi piace la mia spesa? Galeotta fu una serata da Eataly dove ho acquistato compulsivamente stranezze molto green con cui fare le ricette che pubblicherò nelle prossime settimane...curiosi?? Abbiamo delle radici daikon, un cavolfiore arancione, delle patate dolci, patate viola, rape bianche, dei pak choi, del cedro limone, ravanelli, uova bianche e uova di quaglia ma ho acquistato anche altro e allora stay tuned e buona domenica a tutti!! Qui si cucina!!! Go!

mercoledì 23 novembre 2016

Essenza: Insalata di polpo, lenticchie nere beluga e arancio


Lunedì niente ricetta leggera ma oggi recuperiamo con questa bellissima insalata un po' black. Adoro le consistenze che si alternano, i sapori che si fondono, il profumo di arancio che rinfresca ulteriormente questo piatto. Devo dire che amo i legumi e le lenticchie sono tra i miei preferiti, in ogni loro declinazione. Questa qualità, le lenticchie nere beluga, sono bellissime, oltre ad essere molto buone. Una ricetta che mi fa pensare un po' all'estate, forse perchè qui continua a piovere a dirotto...uff. Tornerà il sole prima o poi...nooo??? 


Ingredienti per 4 persone:

  • 1 polpo (1 Kg circa) già pulito
  • 200g di lenticchie nere (io lenticchie nere beluga Melandri-Gaudenzio)
  • 2 arance bio
  • 1 cipolla fresca rossa 
  • 3 cucchiai di olive taggiasche 
  • 1 cucchiaio di capperi dissalati
  • olio extravergine d'oliva
  • sale



Procedimento:

1) Immergete il polpo in abbondante acqua bollente salata e cuocetelo per circa 45 minuti. Lasciatelo raffreddare nella sua acqua. Scolatelo e tagliatelo a pezzi non troppo piccoli. Mettetelo da parte.
2) Lessate le lenticchie in acqua bollente salata seguendo le indicazioni riportate sulla confezione (ci vorranno circa 15-20 minuti). Scolatele e passatele in acqua fredda per bloccarne la cottura.
3) Unite il polpo alle lenticchie, aggiungete le olive taggiasche, i capperi e gli spicchi di 1 arancio pelati a vivo.
4) Preparate una vinaigrette con il succo dell'arancio rimasto, l'olio extravergine e il sale, emulsionate bene e condite l'insalata di polpo. Finite con della scorza di arancio grattugiata e un filo d'olio. Servite.


lunedì 21 novembre 2016

Finalmente meringhe! ❤


Vi aspettavate la ricetta light stamattina, vero?? Sorpresa!!! Si comincia in dolcezza. Ne ho proprio bisogno, sono reduce da un week-end entusiasmante e impegnativo. Sabato mattina c'è stato il mio primo corso di cucina sui finger food, ho avuto la fortuna di trovare una classe di allievi interessati e collaborativi con i quali ho trascorso una mattinata divertente e creativa...grazie a loro la tensione per la mia prima "performance"come docente è sparita di colpo!! Poi domenica ho festeggiato i 90 anni di mio nonno e ho preparato una bella torta (questa) per 40 persone. Quindi le meringhe me le merito tutte! Devo confessarvi che avevo provato diverse volte a farle con risultati deludenti. Finalmente sono riuscita nel mio intento e sono stata davvero soddisfatta del risultato ottenuto. Sono una tipa caparbia, amo pensare che i miei punti di debolezza diventeranno un giorno i miei punti di forza, voglio migliorarmi, imparare e esorcizzare le mie paure e i miei limiti, sono convinta che solo così si può crescere! Vi auguro una dolcissima settimana!


 Ingredienti per 30 meringhe circa:

  • 100g di albume a temperatura ambiente
  • 100g di zucchero semolato
  • 100g di zucchero a velo
  • qualche goccia di succo di limone
  • qualche goccia di colorante in gel (facoltativo)



Procedimento:

1) Setacciate lo zucchero a velo e unitelo a quello semolato.
2) Montate gli albumi finchè non saranno spumosi, aggiungete quindi metà dello zucchero, poco per volta, fate montare bene e aggiungete la restante quantità di zucchero, sempre un cucchiaio per volta. Continuate a montare con le fruste.
3) Unite quindi qualche goccia di succo di limone e del colorante (a piacere), sempre continuando a lavorare l'impasto con le fruste. Il risultato dovrà essere un composto lucido e ben montato.
4) Distribuite le meringhe in una leccarda foderata con carta forno aiutandovi con una sac a poche. Cuocete le meringhe in forno caldo a 110° per circa 30/50 minuti (dipende dalla grandezza delle vostre meringhe), controllate di volta in volta se si sono asciugate dentro e che non siano ancora morbide. Ricordatevi che non dovranno dorarsi durante la cottura. Le mie le ho cotte per circa 50 minuti (forse qualcosina in più). Spegnete quindi il forno e lasciatele raffreddare lì dentro in modo che si asciughino bene. Se avete paura che con il forno spento si generi troppo vapore all'interno, lasciate lo sportello leggermente aperto aiutandovi con un cucchiaio di legno. Conservate le meringhe in un barattolo o in una scatola di latta. 


venerdì 18 novembre 2016

Sweet friday: Ciambella yogurt e frutti rossi


Il post di oggi voglio dedicarlo alle amicizie vere, così difficili da trovare ma così preziose. Ho pochissime amiche, sono una persona selettiva ma i rapporti che sono riuscita ad instaurare resistono alla distanza e, ho scoperto, anche al tempo. Lo scorso week-end ho incontrato, dopo tanti anni, due amiche delle scuole superiori. Eravamo un trio e insieme, all'epoca, ne abbiamo combinate parecchie! E' stato bellissimo scoprire che non è cambiato nulla e che dopotutto siamo ancora le stesse ragazze di allora. Quante risate ci siamo fatte e quanti ricordi sono riaffiorati nella mia mente! Poi ci sono le amiche lontane, io ne ho due a cui voglio un gran bene, Roma e Milano. Poi l'amica del cuore con cui, anche se non ci si vede spessissimo, si riesce a condividere problemi, ansie e preoccupazioni, indispensabile. Poi ci sono le ex colleghe, con loro ho condiviso un bel pezzo di strada, tutte le mattine ci scambiamo il "buon giorno"su whatsapp e guai se manca!! Infine ci sono nuove amicizie che si stanno facendo strada nel mio cuore piano piano, chissà...
A tutte le mie amiche voglio augurare un buon week-end...questo sweet friday è per voi!!


Ingredienti per una torta o una ciambella da 24cm di diametro:

  • 125g di yogurt bianco intero
  • 250g di farina
  • 200g di zucchero
  • 2 uova
  • 150g di olio di semi
  • qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 40g di lamponi essiccati
  • 40g di ciliegie essiccate
  • zucchero a velo


Procedimento:

1) Mettete i frutti rossi in ammollo in acqua per circa 10 minuti.
2) Versate nella planetaria o in un recipiente lo yogurt, aggiungete quindi la farina, lo zucchero, le uova, l'olio di semi, la vaniglia ed infine il lievito. Lavorate il tutto con le fruste elettriche fino a che non otterrete un composto gonfio e ben areato. Scolate i frutti rossi ed incorporateli al composto ottenuto.
3) Versate in uno stampo da ciambella precedentemente imburrato ed infarinato. Infornate a 180° per circa 40 minuti, finchè la ciambella non sarà ben cotta e dorata. Sfornate e lasciate raffreddare. Spolverizzate a piacere con lo zucchero a velo.

mercoledì 16 novembre 2016

Maialino al latte con erbe aromatiche


Buon mercoledì! Qui si fanno le corse, 1000 impegni, 1000 progetti nuovi, l'adrenalina non lascia posto alla stanchezza, sono contenta di tutto questo caos creativo che mi sta sommergendo! Ovviamente non voglio assolutamente trascurarvi quindi non mi dimentico di lasciarvi le mie ricette, sperando che siano gradite. Oggi ci occupiamo di un succulento maialino in pezzi cotto nel latte e nel brodo e profumato con le mie amate erbe aromatiche. Una lunga cottura a bassa temperatura che regalerà alla carne una consistenza morbida, che si scioglie in bocca! Per me il piatto perfetto per un pranzo della domenica. Ma siccome la domenica è ancora lontana, almeno per me, mi tocca scappare a gambe levate verso altri orizzonti...stampate la ricetta per il week-end! Bye bye!!


Ingredienti per 4 persone:

  • 1 Kg di maialino in pezzi
  • 300ml circa di latte intero
  • 500ml di brodo di carne
  • 1 mazzolino di erbe aromatiche (rosmarino, timo, salvia e finocchio selvatico)
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe



Procedimento:

1) Massaggiate i pezzi di maialino con sale e pepe e adagiateli in una pirofila con dell'olio sul fondo. Aggiungete quindi le erbe aromatiche e finite con un filo d'olio. Infornate a 160°. La carne dovrà cuocere complessivamente per 4 ore. 
2) Dopo mezz'ora che la carne è in forno bagnatela con il latte. giratela e continuate a cuocere per altri 30 minuti. A questo punto aggiungete anche il brodo di carne, girate di nuovo e continuate la cottura per altre 3 ore tenendo la parte con la cotenna fuori dal liquido di cottura (in questo modo sarà dorata e non molliccia).
3) Sfornate, togliete la carne e tenetela al caldo, filtrate il fondo di cottura e fatelo ridurre, se necessario aggiungete un cucchiaino di maizena stemperato in un cucchiaio di acqua appena tiepida. 
4) Servite il maialino con del purè di patate profumato alle erba.


lunedì 14 novembre 2016

Essenza: Fusilli integrali con alici e pesto di cime di rapa


Buona settimana my friends! Oggi si riparte in leggerezza e gusto, ma questo ormai lo sapete! Per l'appuntamento con Essenza vi ho preparato un primo piatto squisito! Pieno di sapori e consistenze diverse e pieno di ingredienti che ci fanno un gran bene! Complice in questo lunedì è la Degustabox di ottobre in cui ho trovato dei fragranti grissini di farro bcon cui ho preparato delle briciole tostate croccanti da aggiungere alla pasta...una delizia! Adesso vi lascio la ricetta ma prima vi invito a visitare il sito di Degustabox e ad abbonarvi per ricevere, come me, tutti i mesi, tanti prodotti a sorpresa da gustare con la vostra famiglia! Bye bye!




Ingredienti per 4 persone:


  • 300g di alici fresche
  • 3 filetti di alici sott'olio
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaio di uvetta sultanina
  • 300g di cime di rapa
  • 50g di mandorle
  • 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
  • 250g di fusilli integrali
  • 50g di grissini (io grissini di farro bio Panificio Zorzi Valdadige)
  • olio extravergine d'oliva
  • sale



Procedimento:

1) Pulite le alici ed eliminate la coda. Mettetele da parte. Mettete l'uvetta in ammollo in acqua.
2) Mondate le cime di rapa. lavatele e lessatele in abbondante acqua bollente salata (non eliminate l'acqua di cottura, tenetela da parte), passatele subito in acqua e ghiaccio per mantenerne il colore vivo e mettete da parte.
3) Preparate le briciole croccanti tostando i grissini sbriciolati con metà delle mandorle tritate, un pizzico di sale e un filo d'olio finchè il tutto non sarà croccante. Mettete da parte.
4) In una padella scaldate dell'olio con lo spicchio d'aglio schiacciato e i filetti di alici sott'olio. Fate soffriggere e sciogliere le alici. Aggiungete quindi le alici fresche e le uvette scolate. regolate di sale e cuocete velocemente stando attenti a non scuocere le alici.
5) Nel frattempo lessate i fusilli nell'acqua delle cime di rapa e utilizzate un po' dell'acqua per il pesto: frullate le cime con le mandorle rimaste, il parmigiano, 80 ml circa di olio, sale e un po' di acqua di cottura, finchè non otterrete un pesto cremoso.
6) Scolate la pasta (sempre senza eliminare l'acqua) e saltatela in padella con il pesto (eventualmente allungate con un po' di acqua di cottura per mantecare la pasta). Aggiungete le alici e le uvette e mescolate delicatamente. Regolate di sale e finite il tutto con le briciole croccanti. Servite. 

mercoledì 9 novembre 2016

Punta di vitello (con l'osso) con vino rosso e castagne


Settimana impegnativa questa, tanto lavoro, tante incombenze, tanto stress. Non riesco quasi mai a fare le cose con la calma che vorrei e so che fino a Natale sarà così...è inevitabile! A questo punto non mi rimane che prenderla con filosofia, non voglio andare in apnea quindi respiro e affronto le cose una per volta...e avanti così! A scaldarmi un po' il cuore ci sono questi "piatti golfino" che in inverno diventano i miei comfort food preferiti, stracotti, brasati e arrosti, accompagnati a polentine, purè di patate o patate al forno...insomma, mi fanno tornare in vita!! Come il piatto di oggi, la carne si scioglie in bocca e la salsa è saporita e avvolgente, una pietanza perfetta per contrastare lo stress ma anche il freddo di questi giorni, qui da ieri c'è aria di neve...brrrr...vi lascio la ricetta e scappo, ci sono 1000 cose che mi aspettano! Bye!


Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di punta di vitello con l'osso
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 cipolla
  • qualche bacca di ginepro
  • 2 rametti di rosmarino
  • 300ml di vino rosso corposo
  • 500ml di brodo di manzo
  • 1 cucchiaino di maizena
  • 250g di castagne già lessate e pelate
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe



Procedimento:

1) Massaggiate i pezzi di vitello con sale e pepe e adagiateli in una pirofila con dell'olio sul fondo. Aggiungete quindi la carota, il sedano e la cipolla mondati e tagliati grossolanamente. Unite anche il ginepro e i rametti di rosmarino. Finite con un filo d'olio e infornate a 160°. La carne dovrà cuocere complessivamente per 4 ore.
2) Dopo mezz'ora che la carne è in forno bagnatela con il vino. giratela e continuate a cuocere per altri 30 minuti. A questo punto aggiungete anche il brodo di manzo. Continuate la cottura per altre 3 ore girando la carne di tanto in tanto.
3) Sfornate, togliete la carne e tenetela al caldo, filtrate il fondo di cottura e fatelo ridurre, se necessario aggiungete un cucchiaino di maizena stemperato in un cucchiaio di acqua appena tiepida. Il risultato dovrà essere una salsa vellutata. Aggiungete le castagne, regolate di sale, se necessario, e unite alla carne.
4) Servite la punta di vitello ben calda con la salsa, le castagne e della polenta calda (io ho usato polenta integrale macinata a pietra). 


lunedì 7 novembre 2016

Essenza: Pancakes (vegan) banana, cocco e semi di chia


Oggi c'è aria di cambiamento qui nel mio blog, vi piace la nuova grafica? Spero di sì, volevo alleggerire un po' e volevo che parlasse ancora di più della mia cucina, della mia campagna e di tutte quelle cose che amo condividere e raccontare in queste pagine. A realizzare il tutto per me è stata la bravissima Martina Toppi, collega di blog, amica e grafica di talento, andate a visitare il suo negozio su Etsy (https://www.etsy.com/shop/PrintablePixel), capirete subito di cosa sto parlando! A me è toccato l'arduo compito di realizzare l'indice delle ricette che ancora non avevo, 1000 ricette da copiare e linkare...insomma, è stato uno spasso! Ma per voi questo ed altro, adesso per cercare le mie ricette potete usare il "Cerca nel blog" in alto a destra, le etichette per argomento, in basso nel blog e l'indice da me realizzato con tutti i titoli...spero di avervi così facilitato la navigazione! Ovviamente devo ancora sistemare alcune cosette ma se non mi decidevo a fare queste modifiche adesso continuavo a temporeggiare e non è proprio da me! Ora vi lascio alla mia ricetta del lunedì, molto green, molto vegan, molto buona!!


Ingredienti per 4 persone:

  • 3 banane mature
  • 120g di cocco rapè
  • 3 cucchiai di semi di chia
  • 4/5 cucchiai di farina integrale
  • 3 cucchiai di zucchero di canna integrale
  • 300ml circa di latte vegetale



Procedimento:

1) Mettete i semi di chia in infusione nel latte vegetale per 15 minuti circa. 
2) Schiacciate le banane, aggiungete quindi i semi con tutto il latte, il cocco rapè, lo zucchero di canna e la farina (regolate un po' la consistenza ad occhio, dovrebbero bastare 4 cucchiai di farina integrale ma se vedete che il composto è ancora troppo fluido aggiungetene un po').
3) Ungete con dell'olio d'oliva un pentolino antiaderente, fate scaldare molto bene e cominciate a cuocere i pancakes distribuendo un cucchiaio circa di composto nel pentolino. Io mi sono aiutata con un coppa pasta rotondo, l'impasto non è facile da lavorare, è piuttosto appiccicoso quindo dovrete distribuirlo aiutandovi con una spatola in modo da realizzare dei pancakes non troppo spessi e regolari nella forma. Girateli dopo qualche istante e cuoceteli anche dall'altro lato. Continuate così fino ad esaurimento del composto.
4) Servite i pancakes ben caldi e guarniteli con sciroppo di agave (o acero) e frutta secca a piacere.